TRattamento Innovativo di Sostanze Inorganiche ed Organiche

Il progetto ricerca TRISIO si propone di sviluppare un impianto capace di abbattere sostanze organiche ed inorganiche mediante l’innovativo utilizzo della tecnologia Plasma NTP.

Il Plasma NTP o atermico emette luce con lunghezze d’onda sia nella parte visibile che nella parte ultravioletta dello spettro. Oltre all’emissione di radiazioni UV, un’importante proprietà del plasma a bassa temperatura è la presenza di elettroni ad alta energia, fortemente reattivi, che causano numerosi processi chimici e fisici come l’ossidazione, l’eccitazione di atomi e molecole, la produzione di radicali liberi e di altre particelle reattive, specie ossidanti generate dal NTP hanno un effetto anche diretto sulla degradazione di composti organici volatili, COV e particolato presenti negli effluenti gassosi.

Il plasma atermico a pressione atmosferica può essere quindi utilizzato per promuovere reazioni chimiche. I processi collisionali che coinvolgono gli elettroni "caldi" e le molecole del gas "fredde" possono dare luogo a reazioni di dissociazione e alla formazione di specie radicaliche.
I campi applicativi che possono includere l'utilizzo di plasma non-termico sono: La produzione di ozono e l’ abbattimento di inquinanti, sia solidi (PM, VOC) che gassosi (SOx, Nox).

Si è quindi cercato di sfruttare queste caratteristiche al meglio in un impianto pilota oggetto di tale progetto.